Dormire in houseboat ad Amsterdam

Aprile dolce dormire… Così dicono.

Ho sonno, tanto sonno.

Vorrei essere sdraiata su una spiaggia bianca deserta a fare un pisolino.

O in mezzo a un prato pieno di margherite, adagiata su una comoda coperta dopo un bel picnic.

Oppure, meglio ancora, vorrei farmi cullare dal dondolio quasi impercettibile delle onde invisibili (ma comunque presenti) di un canale di Amsterdam.

A bordo di questa houseboat dal sapore tutto tedesco che tanto mi ricordava lo studentato dell’Erasmus.

Annika 3
Copyright Amsterdam Houseboat

Un appartamento galleggiante dal look spartano ma funzionale. Con letti comodi, un bagno spazioso e una cucina dotata di tutto l’occorrente.

Annika 4
Copyright Amsterdam Houseboat

Dormire in houseboat ad Amsterdam è il modo più economico ed emozionante per soggiornare in città.

Per alzarsi la mattina, aprire la finestra ed essere già con lo spirito fuori casa.

Subito pronti per girare tra i canali, per lasciarsi affascinare da questa Venezia del Nord.

Olanda 2 146Olanda 2 088

Per ritornare alla base dopo una giornata intensa tra un museo di Van Gogh, uno zoo e un Nemo e sentirsi dei piccoli esploratori che vanno a far riposare le stanche membra a bordo della loro nave ormeggiata nel porto.

Per perdersi fino in fondo nella fantasia, per immaginare che sotto quella botola in salotto si nasconda un vero tesoro che aspetta solo di essere scoperto.

Olanda 2 053

Per scambiarsi coccole sotto coperta.

Olanda 2 167

E per essere pronti a salpare il giorno seguente per una nuova emozionante avventura.

Una Amsterdam formato famiglia… di pirati.

Ecco, sì. Vorrei essere qui…

Copyright Amsterdam Houseboat
Copyright Amsterdam Houseboat

Qualcuno mi segue?

Dormire in houseboat ad Amsterdam: informazioni pratiche

Dormire in houseboat ad Amsterdam sta diventando una vera e propria moda. Ci sono houseboat per tutti i gusti, da quelle alla Tom Sawyer (catapecchie, insomma) a quelle da Mille e Una Notte. Qualunque sia il budget a disposizione, credo che sia davvero una soluzione pratica per esplorare la città, soprattutto con i bambini.

Innanzi tutto queste case galleggianti si trovano quasi sempre ormeggiate in centro. La nostra, per esempio, era a cinque minuti a piedi dalla casa di Anna Frank sul canale Prinsengracht, il più bello della città e non sono solo io a dirlo.

E poi gli appartamenti in affitto ad Amsterdam (l’unica altra opzione a cui avevo pensato per soggiornare in città) sono quasi tutti dal terzo piano in su e rigorosamente senza ascensore.

Ora immaginate: bimba di otto mesi vivacissima e già gattonante, passeggino da portare su e giù ogni volta e poi… mamma ho dimenticato la felpa, mamma mi scappa la pipì, mamma non ho dato il bacio alla bambola, mamma mi prendi la macchina fotografica….

Non credo di dover aggiungere altro.

Casa galleggiante a livello del fiume, tre gradini e si è dentro.

A prova di dimenticanze.

Non lasciatevi spaventare dal dondolio iniziale, quasi impercettibile ma presente, è solo una sensazione passeggera, non patirete in mal di mare, garantito!

Qui potete cliccare per accedere direttamente al sito della casa galleggiante in cui abbiamo soggiornato noi. Conviene sempre prenotare con un certo anticipo altrimenti è davvero difficile trovare posto.

Sogni d’oro a tutti!

7 thoughts on “Dormire in houseboat ad Amsterdam”

  1. Frank scusa leggo solo ora. Rientro domani a casa e ti scrivo il link del sito che ora non ho qui. Io consiglio vivamente l’esperienza in Houseboat che consente di avere la libertà di un appartamento e quel pizzico di avventura in più che con i bambini non guasta mai.

Rispondi