Europa Olanda Riflessioni

Viva il museo!

24 gennaio 2014

Chi l’ha detto che i musei sono noiosi?

Olanda 2013 118

I miei bambini li adorano.

Quando siamo in giro e sono stufi di camminare a zonzo basta proporre un museo per farli felici.

Ne abbiamo visti alcuni davvero particolari, da quello delle navi in bottiglia in Olanda, a quello delle aragoste in Cornovaglia.

Abbiamo visitato musei seri, importanti, come quello del Risorgimento al Vittoriano a Roma o la casa di Anna Frank ad Amsterdam.

Musei delle torture, delle armi, delle automobili d’epoca, di storia naturale e ovviamente dei dinosauri.

Musei navali, gallerie d’arte, musei dei burattini, dei gioielli o delle carrozze reali.

Tutti, per un motivo o per l’altro, sono riusciti a catturare l’attenzione dei più piccoli anche solo per un momento.

Ma ci sono dei musei speciali, dove il bambino non è semplicemente ospite gradito ma protagonista a tutti gli effetti.

Dove non ci si deve preoccupare di dire: “No, fermo, non toccare”.

E oggi è un gran giorno per i bimbi lombardi, ormai da un po’ non si parla d’altro.

A Milano apre ufficialmente i battenti il MUBA, il museo dei bambini.

Noi ci andremo, non vediamo l’ora. E ci ritorneremo, ne sono sicura. Perché so già che appena usciremo mi chiederanno: “mamma ci veniamo ancora?”

Il MUBA ci entrerà nel cuore come il Nemo di Amsterdam e Le Vaisseau di Strasburgo? Ne sono certa.

Se dovessi stilare una classifica, sarebbe il Nemo ad aggiudicarsi il primo posto. E’ il museo dei bambini più spettacolare che io abbia visto finora. Già dall’esterno è come se ti lanciasse un messaggio chiaro. Stai per entrare in un luogo gigantescamente unico.

Olanda 2 359

E’ un museo della scienza e della tecnica adatto un po’ a tutti, non solo ai più piccoli.

La struttura esterna, progettata dall’architetto italiano Renzo Piano, richiama l’enorme prua di una nave, e già questo basta per affascinare qualunque bambino.

Il museo è disposto su più piani, a seconda dell’argomento e dell’età (l’ultimo piano è dedicato all’educazione sessuale e al corpo umano, per cui è un paradiso anche per gli adolescenti, ma per ora non pensiamoci!).

Anche i piccolissimi trovano qualcosa con cui cimentarsi.

L’ultima arrivata, e all’epoca aveva solo otto mesi, si è divertita tantissimo a scoppiare bolle di sapone grandi il doppio di lei.

E’ il bello di questo museo. Ognuno trova un ambito entusiasmante in cui buttarsi. Io ho passato non so quanto tempo a giocare con il simulatore di invecchiamento nella sezione dedicata alla genetica, giusto per capire che aspetto avrò tra 30 anni!

Ed è bello anche sfidarsi, genitori contro figli.

Provare, toccare, testare, saltare, costruire. Il rischio, fortissimo vi avverto, è di entrare e di non voler più uscire.

Olanda 2 109

Ci sono anche diversi spettacoli per bambini, ovviamente in olandese, ma è davvero un dettaglio di poco conto.

E la terrazza all’ultimo piano offre una vista meravigliosa sulla città e sul veliero attraccato davanti al Museo Navale, uno dei musei più belli che io abbia mai visitato e che merita davvero un post a parte.

Olanda 2013 103

Anche Le Vaisseau, letteralmente il vascello,  ci è piaciuto tantissimo. E’ un museo della scienza dalle dimensioni più ridotte, tutto su un piano, ma sempre diviso a sezioni. E l’attrattiva più gettonata per i più piccoli è il mini cantiere con mattoni in gommapiuma.

Olanda 2013 132

Anche la sezione dedicata all’acqua, con dighe e canali, esercita un fascino irresistibile. E poi il mondo animale, i giochi di luci e ombre, le sfide, il brivido del labirinto completamente al buio… Un’esperienza davvero irrinunciabile.

Olanda 2013 107

Di musei simili ce ne sono tanti, anche in Italia. Da Explora a Roma alla Città dei Bambini e dei Ragazzi a Genova.

Strutture meravigliose per passare insieme del tempo di qualità e per divertirsi in famiglia in modo intelligente e stimolante.

E voi, quali avete visitato?

You Might Also Like

6 Comments

  • Reply Antonella 26 gennaio 2014 at 6:16 pm

    Come sei prolifica! C’entro poco in questo blog sui viaggi in famiglia, ma leggo comunque…

  • Reply Mammagiramondo 27 gennaio 2014 at 12:06 pm

    Eccomi. In imperdonabile ritardo ma ci sono e già tua grande fan! Un grandissimo in bocca al lupo di cuore per questa nuova bellissima avventura. Ci pensi, ora oltre a tutte le altre affinità siamo anche colleghe!! 🙂
    Un bacione e, bravissima!!

    • Reply letiziadorinzi 27 gennaio 2014 at 6:46 pm

      Inutile dire che di tutti i commenti che potevo ricevere questo è quello che mi fa più piacere. Tu sei la mia guru e la mia mentore! Grazie di cuore!!!

  • Reply Sogni d’oro ad Amsterdam | incinqueconlavaligia 11 aprile 2014 at 12:48 pm

    […] ritornare alla base dopo una giornata intensa tra un museo di Van Gogh, uno zoo e un Nemo e sentirsi dei piccoli esploratori che vanno a far riposare le stanche membra a bordo della loro […]

  • Reply PianoCity emozioni in musica | incinqueconlavaligia 20 maggio 2014 at 5:29 am

    […] Mi sono accorta troppo tardi che sul sito, nella selezione degli eventi, c’era anche la voce “kids” con tantissime proposte pensate per i più piccoli, tra cui i laboratori musicali al MUBA. […]

  • Reply Il parco Efteling | incinqueconlavaligia 30 giugno 2014 at 1:55 pm

    […] scorsa primavera, dopo aver fatto il pieno di tulipani, musei, mulini e zoccoli, sulla via del ritorno dall’Olanda avevo pensato inizialmente di fare sosta […]

  • Leave a Reply