Valtellina per mamme insofferenti

Sto invecchiando lentamente e inesorabilmente.

Anche se mi guardo allo specchio e mi sembra di essere sempre uguale, occhiaie a panda a parte, in realtà non è così.

Non che io sia mai stata la tipa da discoteche, casino, feste sfrenate, musica a palla, più siamo meglio è, no no no per carità.

Al mare dieci ombrelloni erano sinonimo di spiaggia fin troppo affollata per i miei gusti e preferivo inerpicarmi sugli scogli per raggiungere quella caletta nascosta.

Ora però la solitudine non è un più un vezzo è una necessità.

Non sopporto il caos, la ressa, la gente. Divento irascibile, nervosa, irrequieta… in poche parole insopportabile.

E in viaggio ancora di più.

Questo mi porta a cercare oasi di pace e tranquillità lontane dalla folla in ogni posto in cui mi trovo.

Solitudine e ponte dell’Immacolata in Valtellina.

Un ossimoro. Due concetti talmente lontani tra loro da sembrare inconciliabili.

O forse no.

Certo non si può pretendere di percorrere via Roma a Bormio senza incontrare anima viva. Ma a volte basta allontanarsi davvero di poco per cominciare a respirare. Nella vecchiaia che ormai mi caratterizza guardo con distacco e compassione la gente schiava dello shopping che si accalca in quell’unico struscio stracolmo di negozi. Ma cos’avranno tutti da comprare?

E, dalla viuzza laterale del centro storico praticamente deserta, mi godo il vero spettacolo. Portoni in legno che sanno di montagna, quella vera, scritte antiche, piccole botteghe, finestre, lampioni, luminarie.

image3[1]image6[1]image5[1]image4[1]

E poi via a rincorrere la neve che quest’anno ha deciso di farsi desiderare, come le grandi star.

Andiamo sul sicuro. Destinazione: uno dei paesi più freddi d’Italia. Approdiamo in una Livigno invasa dai turisti in cerca di atmosfera e regali di Natale senza IVA (Livigno è zona franca) e ci tratteniamo giusto il tempo per fare il pieno alla macchina.

Ancora una volta troppa gente e Livigno preferisco ricordarla deserta, soleggiata e super innevata.

Così, per capirci.

Gennaio Iphone 215Gennaio Iphone 192Gennaio Iphone 181Gennaio Iphone 180

Finalmente troviamo quello che cerchiamo.

Una passeggiata nei boschi in Val Viola.

Bormio Dicembre 2014 013

Nemmeno l’ombra di un essere umano all’infuori di noi.

Bormio Dicembre 2014 010

Silenzio. Pace.

Neve quanto basta per trascinare il bob e giocare.

Bormio Dicembre 2014 085Bormio Dicembre 2014 080Bormio Dicembre 2014 110Bormio Dicembre 2014 095Bormio Dicembre 2014 153

Profumo di boschi.

Cristallerie a cielo aperto.

Bormio Dicembre 2014 137Bormio Dicembre 2014 136Bormio Dicembre 2014 134

Paesaggi mozzafiato sullo sfondo.

Bormio Dicembre 2014 193Bormio Dicembre 2014 189Bormio Dicembre 2014 048

Missione compiuta.

Siamo riusciti a immergerci in uno scorcio di montagna tutto per noi. E a gustarci un piatto di polenta e salsiccia ammirando un panorama strepitoso, senza la fretta di dover liberare il tavolo per far posto ai clienti in fila.

Bormio Dicembre 2014 196

Una Valtellina autentica a misura di mamme insofferenti.

Anche a Sant’Ambrogio.

 

 

 

Rispondi