Si parte per #monferratofamily

A volte i sogni si trasformano in realtà.

A volte non è vero che certe cose capitano solo ai raccomandati. Questo è un po’ il pretesto dietro cui ci nascondiamo per non uscire dalla nostra comfort zone e per non metterci in gioco.

Perché tanto figurati se chiamano proprio me.

A volte invece basta solo osare un pochino, esporsi e sperare che dall’altra parte ci sia qualcuno che prenda in modo positivo il tuo slancio genuino e magari anche un po’ infantile.

A me è successo.

E molto prima di aprire il blog.

Quando nessuno aveva mai letto ciò che scrivevo e nessuno mi aveva dato un feedback positivo.

Familygo per me era un sito cult.

Per gli itinerari diversi e alternativi che proponeva.

Da quelle pagine virtuali ho attinto parecchie dritte per i miei viaggi on the road in famiglia, anche per l’ultimo in Svezia.

Ho osato. Ho chiesto se era possibile collaborare con loro, nonostante non avessi nessuna esperienza in merito. E la risposta è stata positiva. Non mi è stato chiesto che titoli avessi, ma soltanto di scrivere un articolo. Ed è andata bene.

È iniziata una piccola collaborazione che mi rende orgogliosa.

Una cosa tira l’altra e domani si parte per un press tour nel Monferrato. Il primo della mia “carriera”. Sono emozionata e felice in primis perché è una zona che davvero non conosco. Perché, per quello sciocco principio che più chilometri percorri più una meta è bella, ho sempre preferito le colline della regione di Bordeaux a quelle piemontesi, troppo vicine per i miei gusti.

E, come sto scoprendo negli ultimi mesi, questo ragionamento non potrebbe essere più sbagliato. Non si tratta di campanilismo, ma credo che a volte sia giusto mettere un po’ da parte l’esterofilia e riscoprire quello che di bello abbiamo dietro casa.

E poi sono felice perché non si tratta di un blog tour che, per quanto possa essere magnifico, non so se sarebbe molto nelle mie corde. Perché a volte (ehm quasi sempre), quando viaggio, ho bisogno di solitudine. Ho bisogno di fare quello che mi pare, di sentirmi libera. Qui saremo “solo” noi cinque, ho avuto voce in capitolo, sono stata coinvolta nell’organizzazione, mi è stato chiesto che cosa preferissi fare. È un po’ come una mini vacanza fai da te insomma.

Perciò parto con grande curiosità ed entusiasmo che spero di potervi trasmettere. Se vi va di seguirmi potrete farlo “in diretta” sui social con l’hashtag #monferratofamily. Vi mostrerò passo dopo passo quello che di bello questa regione ha da offrire.

E poi l’appuntamento sarà ovviamente su Familygo.

12 thoughts on “Si parte per #monferratofamily”

Rispondi