Solstizio d’estate a Nord: le tende oscuranti

Tempo di pianificare le vacanze per molti, non per noi.

L’estate è un’incognita, non sappiamo quando avremo le ferie e soprattutto se coincideranno. Quest’anno probabilmente ci mancherà l’aiuto del nonno tuttofare impegnato a tempo pieno su un altro fronte perciò bisognerà adattarsi e magari fare le vacanze separati per permettere ai cuccioli di casa di godersi il più possibile il meritato riposo lontani dall’afa e dalle zanzare della Brianza.

Può essere che dovremo “accontentarci” del nostro meraviglioso entroterra marchigiano e che ci divertiremo a scovare e a esplorare posti nuovi. Ma se dovessimo riuscire, come spero, a ritagliarci qualche giorno tutti insieme per varcare il confine e avventurarci in uno degli itinerari on the road che amo tanto, vorrei che la meta fosse più a Nord possibile.

Spulcio tra i vari blog di viaggi che “frequento” per lasciarmi ispirare e prendere appunti. Ed è un proliferare di post meravigliosi con “I 10 consigli per visitare la tal città ” o “Le 50 cose da non lasciarsi sfuggire nel tal posto”.

Io li divoro, li digerisco, faccio una cernita e stilo sul mio quadernetto magico (eh già, carta e penna rimangono il top per il brainstorming) la mia classifica personale.

Ma da nessuna parte trovo il consiglio d’oro per visitare i paesi del Nord in estate.

Ora, possibile che solo io abbia questo problema? Non voglio pensarci, non può essere vero.

Quando tre anni fa mi sono trovata a preparare l’itinerario per un viaggio itinerante in Danimarca con due bimbi piccoli al seguito, trovavo ogni genere di informazione ma non il consiglio fondamentale, quello che può trasformare una vacanza in un sogno da cui non vorresti mai più svegliarti o nel peggiore degli incubi. All’improvviso un lampo di genio, navigo sui forum di viaggio inglesi e trovo quello che cerco.

Finalmente.

E ora ve lo presento su un piatto d’argento. Curiosi?

Se vi dico giugno, solstizio d’estate e Nord a che cosa pensate?

Al sole di mezzanotte. A quelle giornate infinitamente lunghe. Meravigliose se viaggiate da soli o in coppia o con amici.

Ma… con i bambini??? Il ciclo del sonno dei più piccoli è fortemente legato a un fattore esterno: il buio. Nei paesi del Nord non esistono persiane, solo tende a volte praticamente trasparenti che consentono alla luce del sole di inondare una stanza alle 4 del mattino. Piacevolmente romantico svegliarsi con un raggio di sole che ti bacia la fronte e poi avere la maturità mentale di girarsi dall’altra parte e continuare a dormire fino a un orario decente. Ma per i (miei) bambini non è così.

Da allora nel mio bagaglio per il Nord può mancare tutto, ma non le mitiche tende oscuranti. Si ripongono in un sacchetto e si attaccano a qualsiasi finestra con le ventose. Mi hanno salvata da tantissime notti insonni e da risvegli all’alba.

E quando dico alba intendo proprio alba. Tutti arzilli e pronti a uscire alle 4.30 del mattino perché “mamma non vedi che è già giorno?”. Ovviamente dopo essere andati a letto a mezzanotte perché “mamma non vedi che è ancora giorno?”

Ode alle tende oscuranti che, da alleate preziose, mi hanno consentito di dormire sonni relativamente tranquilli e di poter godere appieno di queste meraviglie…

image

… e di innamorarmi del mio faro.

image

Le tende oscuranti: dove acquistarle

Se avete bambini che dormono ovunque, che non risentono di fusi orari, che dove li metti stanno, ricordatevi di ringraziare il cielo ogni giorno (perché vi è andata di fortuna, non penserete che è merito vostro vero?) e partite sereni.

Se invece avete bambini che dormono poco, che sono ipersensibili alla luce, che al mattino al primo raggio di sole si svegliano, che al cambio dell’ora ci mettono giorni ad abituarsi, allora pensate di investire una piccola cifra per salvarvi la vacanza.

Ovviamente dipende anche dal periodo scelto per il viaggio a Nord. Se siete a ridosso del solstizio d’estate, come è capitato a noi in Danimarca, preparatevi a venti ore di luce. Man mano che ci si avvicina alla fine dell’estate, le ore di buio aumentano fino a diventare accettabili dal punto di vista di una mamma in carenza da sonno.

Ho fatto davvero mille ricerche in merito finché non ho trovato il prodotto che ho poi acquistato da un sito inglese.

Si tratta delle tende Gro Anywhere Blind acquistabili su questo sito. Si attaccano al vetro con le ventose e oscurano totalmente la stanza.

Questo è l’unico accessorio davvero fondamentale per una vacanza al Nord, pensateci seriamente.

E godetevi la magia di questi paesi meravigliosi.

11 thoughts on “Solstizio d’estate a Nord: le tende oscuranti”

  1. Oggi non riuscivo a commentare da cell!! Che dire… Noi credo che per questa estate faremo valere la leva della prudenza economica e ci orienteremo su lidi meno dispendiosi, ma non puoi capire (o forse sì) come mi attira il grande Nord… Questa delle tende è una vera rivelazione da stra tenere a portata di mano!!
    Continua così che non ho mai abbastanza dei tuoi post!!

  2. Beh ma tu mi vuoi far commuovere!!!! Grazie mille!!!! Il Nord è perfetto per i bambini, ha solo un difetto enorme, il costo! Peró se ti servono le tende non comprarle, te le presto :)) Sono certa che sceglierai una meta fantastica!!!! Un abbraccione

  3. ….mannaggia alle tende non ci avevo proprio pensato. in effetti anche ad Amsterdam avevamo avuto questo problema, ed era inverno, e non c’era comunque tutta questa luce (ma la casa non aveva le tende!!!). quindi mi sa che devo considerarle per la Danimarca di quest’estate!!!!

  4. Ciao anche per noi le tende oscuranti sono un must have e prima di quelle usavamo un rimedio molto casalingo: Sacchi neri del pattume e nastro adesivo!!!

  5. Mi hai convinta, le prendo 😉 Ma come scegliere bene fra le varie dimensioni che esistono in commercio? Tu di quali dimensioni me le consigli? Grazie!

  6. Allora le mie sono della Grobag e sono 130X198 e mi sono sempre trovata bene, a parte dove c’erano davvero finestre grandi come tutta una parete ma per quelle non c’è soluzione purtroppo. Ne ho prese due, in alcuni casi una in più mi avrebbe fatto comodo ma ci siamo sempre arrangiati così più o meno. Dove sei diretta di bello? :))

  7. Grazie della risposta, Letizia! Una precisazione? Tu ne usi una coppia o due coppie? Perché le vendono a coppia.
    Facciamo il giro del Fyn e dello jutland. Dodici giorni. Tappa in 7 B&B in giro, da nord a sud! A Copenhagen siamo già stati con i nani quindi atterriamo soltanto a Kastrup ma tiriamo dritto per il Fyn. Partiamo a brevissimo, non vedo l’ora!

  8. Ciao Alessia quando le ho comprate io non erano q coppie mannaggia! quindi ne ho solo due. Dipende un po’ da quanti bimbi hai e quante stanze ha la casa. Calcola che di solito comunque hanno finestre molto grandi perché adorano la luce in estate, ne fanno scorta in previsione dell’inverno 🙂 sarà un bellissimo viaggio ❤️

Rispondi