Tutto quello che hai sempre voluto sapere…

In questi giorni di pioggia persistente, influenze e virus che vanno e vengono,  pensare a un viaggio non è solo motivo di svago ma ha un ruolo terapeutico.

Complice un compleanno importante, non ci siamo fatti mancare un regalo speciale, che speriamo di usare presto.

Per completare la collezione dovevamo averne ancora due, ora solo Londra manca all’appello, ma solo perché ci siamo stati poco tempo fa quindi aspetteremo ancora un pochino prima di ammirare di nuovo il Big Ben.

Sto parlando delle guide per bambini più belle e divertenti che io abbia mai visto, firmate, manco a dirlo, Lonely Planet.

Queste.

image

Solo il sottotitolo “Vietato-ai-genitori” basta per catturare l’attenzione di qualunque bambino dai 6 anni in su.

Poi ovviamente i genitori di nascosto leggono comunque, ma questo ai viaggiatori in erba non bisogna dirlo, è il nostro piccolo segreto!

Immaginate una guida dal linguaggio divertente, figure e disegni immediati e grafica accattivante. Segreti, aneddoti, leggende, tutto quello che un bambino vorrebbe sapere della città che sta visitando.

Un mix perfetto di nozioni storiche e curosità per catturare l’attenzione del lettore.

Ad esempio lo sapevate perché il mio amato cappuccino si chiama così?

image

O come è nato il ponte di Brooklyn?

image

O che secondo una leggenda nelle fogne di New York vivono degli alligatori portati da Miami?

image

O che al Parc Asterix si possono mangiare hamburger di cinghiale come al tempo dei Galli?

image

E qual è l’origine della parola carousel, cioè carosello?

image

Se volete scoprire tutti i segreti nascosti di Roma, Parigi, Londra e New York non potete perdervi queste guide strepitose.

Un motivo più che valido per organizzare un bel viaggio, non vi pare?

Rispondi