Presentazione d’obbligo

E ora, come si conviene, le presentazioni. Mi chiamo Letizia e sono mamma di tre bambini di anni 8, 6 e 3.  Quando sono rimasta incinta del mio primogenito avevo velleità artistiche e facevo provini per musical. E amavo viaggiare, era una specie di droga. Il mio primo pensiero davanti al test di gravidanza positivo è stato: “Ma io non posso…. Ho prenotato il volo per il Sud Africa”. E ovviamente la pancia, incurante, è cresciuta ma io in Sud Africa ci sono andata comunque. Facendo la brava, però, evitando la zona malarica… Era già un primo compromesso, il primo di tanti, tantissimi. Poi è nato Matteo e dopo 18 mesi è arrivata Anna. Notti insonni, e per insonni intendo davvero insonni, mi hanno logorato il cervello ma… all’improvviso ho ritrovato la luce. Grazie a un blog. E a una persona fantastica che sta dietro a quel blog. E così ho ricominciato a viaggiare. Lentamente, a ritmo di bambino, ho scoperto che era ancora possibile provare quel brivido, quella magia che solo chi ha vissuto conosce. E ho deciso che nemmeno un altro figlio mi avrebbe fermata. E così è arrivata Francesca. Ora l’impresa è significativa. Continuare a viaggiare in cinque, preparare la valigia per cinque, trovare mete ideali per cinque. Ma ora sono più forte, sono più consapevole come mamma e so che sarò possibile.

Rispondi